Home Attualità Economia Montedoglio: preoccupazione per la prossima stagione irrigua

Montedoglio: preoccupazione per la prossima stagione irrigua

0
Montedoglio: preoccupazione per la prossima stagione irrigua

Arezzo – Una lettera per richiedere un incontro urgente con il direttore dell’Ente Irriguo Umbro Toscano Zurli, con i presidenti delle Province di Arezzo e Perugia, Vasai e Guasticchi e gli Assessori regionali all’agricoltura Salvatori e Cecchini, che possa contribuire a restituire fiducia e serenità alla comunità, ma soprattutto garanzie al futuro dell’agricoltura dei territori interessati al “guasto” della diga di Montedoglio. Questo l’esito del summit dei dirigenti Coldiretti Arezzo e Perugia di stamane a Sansepolcro, che ha fatto il punto sulla difficile situazione creatasi anche per l’agricoltura del territorio, in seguito all’incidente della diga.
L’incontro, richiesto con una lettera a firma dei presidenti della Coldiretti Arezzo e Perugia, Tulio Marcelli e Luca Panichi, ha l’obiettivo di esaminare le prospettive legate agli eventi del 29 dicembre scorso ed ottenere dei chiarimenti a garanzia delle imprese agricole che si apprestano a pianificare la prossima stagione.
Coldiretti – si legge infatti nella lettera – esprime tutta la propria preoccupazione oltre che per i danni già subiti dagli imprenditori agricoli coinvolti con terreni e strutture nella perdita d’acqua della diga, anche per il rischio concreto circa l’utilizzo dell’acqua ad uso irriguo, che si prospetta nel prossimo futuro.
Proprio quest’ultimo aspetto – sottolinea Coldiretti – potrebbe penalizzare gravemente le attività agricole delle zone interessate, in un momento già difficile per il settore primario che tra l’altro in ogni stagione irrigua vede “minacciata” la propria attività, dalle consuete carenze di acqua, vitale invece per le produzioni di qualità che i territori umbro-toscani esprimono. Luoghi dunque – conclude Coldiretti – in cui potrebbe essere messa seriamente a repentaglio anche l’utilità sociale che l’attività delle imprese agricole ormai riveste, oltre che per la produzione di beni anche come presidio e tutela dell’ambiente.

—————————————————-Lettera Aperta————————————————————
Egr. Dott.
Diego Zurli
DIRETTORE ENTE IRRIGUO
UMBRO TOSCANO

Egr. Dott.
Gianni Salvatori
ASSESSORE AGRICOLTURA
REGIONE TOSCANA

Egr. Dott.ssa
Fernanda Cecchini
ASSESSORE AGRICOLTURA
REGIONE UMBRIA

Egr. Dott.
Marco Vinicio Guasticchi
PRESIDENTE PROVINCIA DI PERUGIA

Egr. Dott.
Roberto Vasai
PRESIDENTE PROVINCIA DI AREZZO

Oggetto: Crollo Diga Montedoglio, richiesta incontro.

In merito al crollo che ha interessato la diga di Montedoglio il 29 dicembre scorso, con la presente siamo ad esprimere tutta la nostra apprensione, per gli effetti negativi che “l’incidente” potrà determinare sulle comunità del territorio ed in particolare sulle attività agricole ricadenti in parte delle province di Arezzo e Perugia.
La preoccupazione di Coldiretti, deriva oltre che dai danni già subiti dagli imprenditori agricoli coinvolti con terreni e strutture nel crollo di parte della diga, anche dal rischio concreto di utilizzo dell’acqua ad uso irriguo, che si prospetta nel prossimo futuro.

Proprio quest’ultimo aspetto potrebbe penalizzare gravemente le attività agricole delle zone interessate, in un momento già difficile per il settore primario che tra l’altro in ogni stagione irrigua vede “minacciata” la propria attività, dalle consuete carenze di acqua, vitale invece per le produzioni di qualità che i nostri territori esprimono. Luoghi in cui quindi potrebbe essere messa seriamente a repentaglio anche l’utilità sociale che l’attività delle imprese agricole ormai riveste, oltre che per la produzione di beni anche come presidio e tutela dell’ambiente.
Per esaminare le prospettive legate agli eventi in oggetto ed ottenere dei chiarimenti a garanzia delle imprese agricole che si apprestano a pianificare la prossima stagione, siamo a richiederVi quindi, un incontro urgente che possa contribuire a restituire fiducia e serenità, ma soprattutto garanzie al futuro dell’agricoltura delle due province.
In attesa di un positivo riscontro, l’occasione è gradita per salutarVi cordialmente.

IL PRESIDENTE COLDIRETTI PERUGIA IL PRESIDENTE COLDIRETTI AREZZO
Luca Panichi Tulio Marcelli