Home Nazionale Airbus, in mare un sedile e kerosene

Airbus, in mare un sedile e kerosene

0

ROMA – A distanza di 24 ore dalla scomparsa del volo Air France 447 decollato da Rio de Janeiro, diretto a Parigi, la tragedia nell'Oceano Atlantico è ancora avvolta nel mistero. In assenza delle scatole nere del velivolo, non si può dire con certezza cosa sia successo.

Le forze aeree brasiliane hanno però trovato dei resti dell'aereo Air France precipitato: secondo un portavoce dell'aviazione militare, sono stati individuati un sedile e tracce di kerosene. Un cargo francese aveva avvistato al largo delle coste del Senegal i resti del velivolo, dove continuano le ricerche.

La zona è stata individuata circa 820 chilometri a nordest dell'arcipelago brasiliano di Fernando de Noronha, al limite fra lo spazio aereo del Brasile e del Senegal. Un aereo brasiliano, che ha sorvolato la zona poco dopo la scomparsa dell'Airbus dai radar alle 2.15 di lunedì, vi aveva visto delle luci arancioni, come di relitti in fiamme.

Subito dopo l'annuncio della scomparsa del volo, ''un centinaio di volontari sono stati mobilitati per supportare le équipe della compagnia aerea a Parigi ed a Rio''. Lo comunica Air France in una nota, sottolineando che altri gruppi di volontari ''daranno loro il cambio nelle prossime ore''.

Il programma di volontariato di Air France conta un totale di 4.000 dipendenti pronti ad esser mobilitati in situazione di crisi. I volontari hanno quattro missioni principali: accoglienza delle famiglie, sostegno logistico, rinforzo negli scali e assistenza telefonica. Il programma di volontariato è stato lanciato nel novembre 1998 dal presidente della compagnia.

Per quanto riguarda la tragedia, le ipotesi finora avanzate parlano di avaria, black out o forse un fulmine, visto che nell'ultimo contatto con la torre di controllo i piloti avevano parlato di una forte turbolenza in cui stavano per entrare.

A bordo dell'Airbus c'erano 228 persone, 216 passeggeri e 12 componenti dell'equipaggio. Tra questi almeno 10 italiani, secondo fonti della Farnesina.

Articlolo scritto da: Adnkronos/Ign