Home Attualità Economia Acconto ICI: il pagamamento scade il 16 giugno

Acconto ICI: il pagamamento scade il 16 giugno

0
Acconto ICI: il pagamamento scade il 16 giugno

Invariate anche per il 2009 le aliquote e le detrazioni ICI, con la sola aggiunta dell’aliquota del 4 per mille da applicare alle centrali elettriche a pannelli fotovoltaici di qualsiasi potenza autonomamente
accatastate.
Con Decreto Legge numero 93 del 27 maggio 2008 è stato soppresso l’obbligo del pagamento dell’ICI relativamente all’abitazione principale e sue pertinenze per i fabbricati appartenenti alle categorie catastali A2 – A3 – A4 – A5 – A6 –A7. Sono equiparate all’abitazione principale quelle concesse in comodato o uso gratuito a parenti di primo grado in linea retta che la utilizzano quale loro abitazione principale, comprovata dalla residenza anagrafica e gli immobili posseduti, a titolo di proprietà o di usufrutto, da anziani o disabili che acquisiscano la residenza anagrafica in istituti di ricovero o sanitari, a seguito di ricovero permanente ed a condizione che la stessa non risulti locata.
Queste le diverse aliquote per chi deve invece pagare l’ici: quella ordinaria è del 6,7 per mille mentre il 6,1 per mille viene applicato alle unità immobiliari di categoria catastale A1- A8- A9 e alle abitazioni non affittate e relative pertinenze di qualunque categoria catastale di proprietà di cittadini italiani residente all’estero. L’aliquota del 1 per mille viene invece applicata agli immobili ed eventuali loro pertinenze concessi in locazione all’amministrazione comunale, o soggetto eventualmente da essa delegato, da destinare all’emergenza abitativa. Per gli immobili concessi in locazione, a titolo di “abitazione principale” del locatario l’aliquota è del 6,3 per mille. A tali immobili non verrà riconosciuta la detrazione per abitazione principale. Aliquota del 4 per mille è invece applicata alle centrali elettriche a pannelli fotovoltaici di qualsiasi potenza autonomamente accatastate mentre quella del 9 per mille è applicata agli immobili ad uso abitativo non locati, per i quali non risultino essere stati registrati contratti di locazione da almeno due anni alla data del 1 gennaio 2009. La detrazione per abitazione principale è di 135 euro.
Si precisa che per gli immobili concessi in comodato o uso gratuito a parenti di primo grado in linea retta, per quelli di proprietà del coniuge separato non assegnatario, per gli immobili locati all’amministrazione comunale da destinare all’emergenza abitativa e locati ai sensi dell’art. 2, comma 3, Legge 431/98 occorre presentare entro il 31 dicembre dell’anno di riferimento apposita autocertificazione attestante i requisiti richiesti. I modelli, diversi per ogni casistica, sono disponibili presso l’Ufficio Tributi e sul sito del Comune di Arezzo, alla pagina www.comune.arezzo.it. L’autocertificazione non deve essere ripetuta, per gli anni successivi, se non variano le condizioni.
Maggiori chiarimenti in merito all'applicazione delle aliquote e delle detrazioni potranno essere reperiti sul sito del Comune di Arezzo, alla pagina www.comune.arezzo.it. dove è anche disponibile un modello di calcolo dell’imposta ad uso dei contribuenti.
Il pagamento Ici può essere effettuato con varie modalità: tramite appositi bollettini di conto corrente postale numero 88648449 intestato a EQUITALIA-CERIT SPA – AREZZO- AR – ICI, presso gli Uffici postali di tutto il territorio nazionale e il Servizio Riscossione Tributi – Equitalia Cerit SPA, Via Petrarca , 23.

I bollettini saranno inviati al domicilio del contribuente: in caso di mancato ricevimento sono reperibili presso gli uffici postali, il Servizio Riscossione Tributi (Via Petrarca, 23), l’Ufficio Tributi del Comune (Piazza San Francesco, 18, ; l’InformArezzo (P.zza G. Monaco, 2), lo sportello Polivalente (P.zza Libertà, 1) e le sedi delle Circoscrizioni. Oppure tramite il modello F24 presso gli sportelli bancari, gli uffici postali e i Concessionari della riscossione. Ed infine con il pagamento telematico attraverso i siti internet www.poste.it (per i correntisti Bancoposta e per i possessori di carta di credito)
Per ogni ulteriore informazione o chiarimento l’Ufficio Tributi è a disposizione dei contribuenti che possono recarsi in Piazza San Francesco n. 18 oppure contattare lo staff telefonicamente ai seguenti numeri: 0575/377784 – 0575/37778